Gruppo Gelati - Consulenti di direzione

Novità per l’export negli USA

11 aprile 2017

Il nuovo Regolamento sui controlli preventivi degli alimenti è già in vigore dal Settembre 2016 ed entro la fine del 2018 interesserà anche le aziende più piccole.

LA FDA (Food and Drugs Administration) ha emanato l’FSMA (Food Safety Modernization Act), il nuovo regolamento sui controlli preventivi che prevede:

 -          l’obbligo per le aziende che producono alimenti destinati al mercato statunitense di registrarsi presso la Food and Drug Administration. Verrà infatti messo a punto dalla FDA un registro dedicato.

 -          l’obbligo di predisporre dei piani di controllo della sicurezza alimentare corrispondenti alle linee guida definite dalla FDA (che si basino sull’HARPC - Hazard Analysis and Risk Based Preventive Controls) e rigorosamente in lingua inglese. Tali piani devono essere redatti da figure professionali qualificate , a tale scopo il regolamento identifica un P.C.Q.I. - Preventive Control Qualified Individual che deve essere identificato dall’azienda attraverso una serie di requisiti specifici dettati dalla norma o, in alternativa, deve seguire un corso di formazione specifico erogato da docenti direttamente formati e approvati dalla FDA. Il regolamento relativo al P.C.Q.I. è stato pubblicato a settembre 2015 e le aziende hanno da 1 a 3 anni per identificare e formare le figure preposte. In base alle dimensioni aziendali (fatturato e numero dipendenti), il tempo limite è di 1 anno - entro settembre 2016 - per grandi aziende, entro 3 anni per le piccole aziende.

 -          l’introduzione di programmi di verifica dei fornitori esteri (FSVP) da parte degli importatori statunitensi, i quali sono tenuti a verificare i fornitori stranieri ed i relativi prodotti, al fine di garantire che gli alimenti importati non siano adulterati o etichettati in modo errato; che siano stati prodotti in conformità e pieno rispetto dei requisiti del programma e che, pertanto, rispecchino tutti i parametri di sicurezza degli USA per i prodotti destinati al consumo umano.

Per le aziende l’obbligo di adeguarsi alla nuova normativa è in vigore dal 19 Settembre 2016, tuttavia per le piccole imprese (imprese con meno dell’equivalente di 500 dipendenti a tempo pieno), ci sarà la possibilità di adeguarsi entro il 19 Settembre 2017 e per le imprese molto piccole (cioè quelle imprese con un fatturato complessivo inferiore ad 1 milione di dollari all’anno), il tempo per gli adeguamenti è esteso fino al 19 Settembre 2018 e quest’ultima data vale anche per tutte le aziende soggette alla “Pasteurized Milk Ordinance”.

Sono esentate dall’applicazione della FSMA le seguenti aziende:

-          bevande alcoliche

-          Ogni tipologia di alimento, escluse le bevande alcoliche, proveniente da un’impresa registrata a fronte della sezione 415 dell’FD&C Act, che rispetta una delle seguenti condizioni:

2a. il cui preconfezionamento permette di evitare qualsiasi ulteriore contatto umano diretto

2b. che costituisce non più del 5% delle vendite complessive di un’impresa

 -          Le materie prime o altri ingredienti che sono importati per la produzione di bevande alcoliche e vengono processati da importatori americani (questi ultimi devo essere iscritti a fronte della sezione 415 dell’FD&C Act)

-          La carne, la cui importazione è disciplinata dal Federal Meat Inspection Act (FMIA) e controllata dall’USDA (U.S. Department of Agriculture)

-          Il pollame, che è regolato dal Poulty Products Inspection Act (PPIA) e controllato dall’USDA.

-          Le uova, la cui importazione è regolata a fronte dell’Eggs Product Inspection Act (EPIA) sotto l’USDA.